ADIPOMETRIA
E IMPEDENZIOMETRIA

Presso Biomed Studio è possibile sottoporsi sia ad esame bioimpedenziometrico (BIA) che ad esame adipometrico.
Le misurazioni bioimpedenziometriche, sia negli sport di potenza che sport di resistenza, sono fondamentali per:
• programmazione di un corretto allenamento (isotonico o aerobico): migliore scelta dei carichi di lavoro e tempi di recupero;
• programmazione nutrizionale;
• controllo dello stato di idratazione (fondamentale per ottimizzare la performance sportiva).

Per uno sportivo è molto importante controllare la Massa Cellulare Attiva (ATM), detta più comunemente Massa Muscolare, per evitare una sua diminuzione che si può avere in caso di overtraining, cioè di allenamento troppo intenso o troppo prolungato, o di un regime alimentare inadatto al tipo di lavoro fisico svolto.

 

Bioimpedenziometria
Test bioimpedenziometrico (BIA)

Il BIA consente di valutare un altro parametro importantissimo nello sport, soprattutto in quello di resistenza (sport di endurance): lo stato di idratazione. Una leggera disidratazione, con una diminuzione del 4-5% dell’acqua extracellulare (ECW), può provocare considerevoli cali della performance sportiva, arrivando fino al 20-30% in meno di efficienza fisica.

Se le cellule muscolari non hanno sufficiente idratazione, l’acqua viene sottratta al sangue, provocando un abbassamento della pressione arteriosa ed un aumento dello stress cardiaco, oltre che uno stato di stanchezza che incide sulla performance sportiva.
Quando lo stato di idratazione extracellulare pre-gara o pre-allenamento è ottimale (circa 45%) esiste un rischio minore di disidratazione, di eventi traumatici muscolari e una maggiore velocità di recupero delle condizioni fisiche ottimali. È chiaro, pertanto, che la principale integrazione di cui hanno bisogno gli atleti è quella idrica e ciò vale tanto per gli sportivi professionisti che per quelli amatoriali.

Adipometria
Test adipometrico

Attraverso l’esame bioimpedenziometrico, si può conoscere la composizione corporea dello sportivo ed agire per mantenere un corretto stato di idratazione (ECW 40-50%) e una ATM del 40-50%, allo scopo di migliorare le sue condizioni generali e le performance atletiche. Si riesce in tal modo a calibrare l’allenamento e l’alimentazione per portare l’atleta in condizioni ideali (rapporto tra ECM e ATM prossimo a 1).
L’utilizzo di tecnologie avanzate quali bioimpedenziometro e adipometro (strumentazioni che permettono di conoscere la reale massa magra e massa grassa) permettono al professionista di apportare aggiustamenti, modifiche e adeguamenti al percorso intrapreso, ma sarà fondamentale anche per i pazienti poiché essi riceveranno in tempo reale i risultati certi ed oggettivi che saranno da stimolo al mantenimento di un corretto e sano stile di vita.

Per ricevere ulteriori informazioni e costi dettagliati clicca QUI